Il supplizio di Sisifo

Ieri dovevo partecipare a una teleconferenza su EVO. Vado sul sito, ma serve il plugin di Java nel browser. Il mio computer ce l’ha, Java, ma Firefox non lo sa. Chrome neanche. Konqueror crasha appena metto l’indirizzo. Ho provato millemila volte a reinstallarne tutte le cazzo di versioni, a fare link simbolici e quant’altro, ma nada.
Però dai, c’è un altro modo per partecipare alla teleconferenza, ed è tramite skype: bisogna inserire EVO tra i contatti, e io l’ho fatto; ma quando provavo a chiamarlo non rispondeva e cadeva la linea.

Nel frattempo la parte di meeting che mi interessava era finita.

Oggi EVO mi ha a sua volta aggiunto tra i contatti: forse era questo il requisito che mancava? Provo a chiamare, e infatti stavolta risponde! Evvai! Manca solo un altro passo: devo digitare l’ID e la password del meeting.
Bene, questi dati ce li ho, ma… dove minchia si digitano? Cerco e cerco, e scopro che si possono digitare numeri durante una chiamata solo se la chiamata è verso un numero: per chiamate verso contatti skype, il tastierino non compare.

Così, tanto per scrivere del codice diverso da caso a caso, nonostante potevano lasciare tranquillamente la stessa cazzo di interfaccia per tutto.

E infatti scopro che, in realtà, nella versione precedente di Skype, quella in cui non si erano ancora presi la briga di differenziare le interfacce senza motivo, il tastierino c’è in tutti i casi: cioè, il tastierino per le chiamate verso i contatti skype l’hanno levato di proposito.

Vabbé, faccio il downgrade di Skype dalla versione 4 alla 2. Non so a quali altre funzionalità sto rinunciando in questo modo, ma va bene così. Chiamo EVO, ascolto la voce registrata che mi dice di digitare i codici, premo i tastini e sento soddisfatto i relativi toni DTMF… e alla fine tutto funziona! Grande!!

Solo che la parte di meeting che mi interessava era ieri.

CARI SVILUPPATORI DI JAVA, FIREFOX, SKYPE E SONASEGA: ANDATE CORTESEMENTE A INFILARVI UN TRAPANO ACCESO NEL CULO. INCOMPETENTI DEL CAZZO. Mia nipote di 2 anni, che ride quando le dici con vocina stridula “ti faccio al forno con le patate!” perché non ha ancora ben capito cosa significa, al posto vostro faceva un lavoro migliore.

Annunci

One thought on “Il supplizio di Sisifo

  1. Pingback: Rompere la ricorsione infinita | Exp(i·pi)+1=0

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...